Le donne di Roma #6
Plautilla Bricci

donne di roma

Un percorso dedicato a donne famose di Roma dalle mitiche origini fino al Novecento. Si tratta di sei itinerari organizzati dall’associazione culturale Marmorata169 e condotti dalla storica e giornalista Donatella Cerulli. Appuntamento per i partecipanti alle ore 11 e trenta, in piazza San Luigi dei Francesi davanti alla chiesa per il quinto appuntamento per la Roma del Seicento e Settecento. Per le prenotazioni è obbligatorio inviare una mail a marmorata169@gmail.com. (contributo 10 euro + tessera annuale 5 euro).

Plautilla Bricci, “architetta” e pittrice

Artemisia Gentileschi e Plautilla Bricci, emblemi della pittura al femminile, ma anche della rivalsa del ruolo delle donne nella società. Due donne che combatterono contro il clima sessuofobico della Roma Seicentesca, in cui si riteneva dannosa l’immagine della donna colta. Ne andremo alla scoperta grazie alla figura di Plautilla Bricci, il primo architetto del mondo che raggiunse una fama equivalente a quella degli artisti contemporanei. E’ anche di lei che parleremo, visitando la Chiesa di S. Luigi dei Francesi dove ammireremo sia i numerosi capolavori di Caravaggio, che la bellissima Cappella di S. Luigi, da lei realizzata nel 1664.

Sesto e ultimo appuntamento: il Quadraro e Mamma Roma – 5 giugno ore 18

8 maggio con noi: APPIA DAY e itinerario #4 “Le Donne di Roma”

13064772_565781106914649_3532466876825565891_oDoppio appuntamento per domenica 8 maggio, con due itinerari da non perdere.
Si parte con le lezioni di storia itineranti sull’Appia Antica Pedonale per la grande festa dell’Appia Day. Da Appio Claudio ai martiri cristiani, dai poeti del Grand Tour a Abebe Bikila, da Pier Paolo Pasolini ad Antonio Cederna alla Grande Bellezza. Le mille facce della Regina Viarum raccontate da narratori d’eccezione. Marmorata169 ha scelto per voi il nostro amico, socio e sostenitore Roberto Carvelli. Con lo scrittore e giornalista, attraverseremo l’Appia della letteratura, quella degli scrittori che l’hanno percorsa e raccontata nel corso della storia. Appuntamento alle ore 10, Mausoleo di Cecilia Metella. L’iniziativa è curata da Legambiente in collaborazione con VeloLove, Marmorata169, Urban Experience, Terre Italia Onlus. Ogni racconto durerà circa 30-45 minuti. Partecipazione gratuita, per info: marmorata169@gmail.com

Per il secondo appuntamento ci sposteremo in piazza Fiammetta davanti alla casa di Fiammetta Michelis e andremo alla scoperta delle donne del Rinascimento, guidati dalla storica e giornalista Donatella Cerulli. E’ il quarto itineraio per Le Donne di Roma, un percorso dedicato a donne famose di Roma dalle mitiche origini fino al Novecento. Appuntamento l’8 maggio per i partecipanti alle ore 18, in piazza Fiammetta davanti alla casa di Fiammetta Michelis; un incontro serale che si concluderà per chi vuole con un aperitivo insieme.
Prenotazione obbligatoria inviando una mail a: marmorata169@gmail.com

donne di roma
Il Rinascimento – Dalla fine del 1300 alla seconda metà del 1500 in Italia fiorisce il Rinascimento: una grande renovatio culturale e civile. Anche le donne godono di questa congiuntura favorevole, anche a loro si dischiude l’istruzione e in molte dominano il panorama politico e culturale di quegli anni. A Roma è tutta un’altra storia: la Città Santa è anche “Città de’ donne”, terreno fertile per il fiorire di figure femminili caratteristiche di tutto il Cinquecento romano, le cortigiane. Bellissime, acculturate, mondane, stupende conversatrici, musiciste, poetesse, amanti impareggiabili… Attorno a loro e nelle loro case si raccolgono gli intellettuali creando dei veri e propri cenacoli in cui l’arte, la cultura, la bellezza e il sesso si intrecciano mirabilmente. Di tante di loro si è persa la memoria, ma alcune hanno lasciato vive testimonianze del loro passaggio nell’arte, in letteratura e nei luoghi. È il caso di questo prezioso Palazzetto del Quattrocento, di proprietà di Fiammetta Michelis, amante di Cesare Borgia quando questi era ancora cardinale.

I prossimi appuntamenti:
22 maggio, ore 11: San Luigi dei Francesi
5 giugno, ore 18: Le donne di Roma, Il Quadraro

 

“La linea sottile”: evento speciale chiude il ciclo “Storie di Donne”

genocid

Venerdì 13 maggio 2016 alle ore 20:30 presso il WSP photography 
(via Costanzo Cloro 58 – metro B San Paolo) a chiudere il primo ciclo “Storie di donne” un evento speciale: proietteremo “La linea sottile”
 di Nina Mimica e Paola Sangiovanni. A seguire l’incontro con le autrici e i produttori del documentario. Per partecipare è obbligatorio prenotarsi via mail a: marmorata169@gmail.com

Due storie si intrecciano, narrano di due guerre dei primi anni Novanta da due diversi punti di vista: quello di Bakira, una donna bosniaca sopravvissuta alle violenze della guerra nella ex-Jugoslavia e quello di Michele, un ex soldato italiano di una missione internazionale di pace in Somalia, il cui contingente è stato responsabile di violenze contro la popolazione civile. Il film è la narrazione di un inesausto viaggio in fieri verso la consapevolezza del male e dell’umana capacità di generarlo. “La linea sottile” è prodotto da Doclab, Altreforme, Kinematograf con Rai Cinema e distribuito in Italia da Berta Film; dal 18 marzo è partito il tour che toccherà molte sale cinematografiche e festival in Italia. Patrocinato da Amnesty International Italia e nato dall’esigenza tutta femminile di analizzare le atrocità commesse e coglierne i significati profondi e l’umana capacità di generare il male, il film offre un importante spunto di riflessione sulla violenza compiuta e subita.

“Occhi sulla città”, frutto dell’incontro tra le associazioni culturali Marmorata 169 e WSP Photography, torna con un nuovo ciclo di documentari intitolato “Storie di donne”, che per tutta la primavera offrirà visioni inedite e incontri con autrici e autori. Le “Storie di donne” che proponiamo sono spesso storie semplici, racconti dietro l’angolo, realtà note o meno note, alle quali tuttavia raramente si guarda con occhi attenti. Eppure una storia non esiste finché qualcuno non ha il coraggio di raccontarla, mettendosi in gioco in prima persona, aprendosi e intessendo relazioni. Con passione, cura e rispetto. Il documentario nasce dunque come incontro tra persone, è l’intersezione vitale tra chi ascolta, la voce che narra e chi guarda. Svela e rifonda il nostro modo di vedere, sul filo della memoria e della scoperta reciproche.

Ingresso riservato ai soci ENAL 2016
. È possibile tesserarsi il giorno dell’evento (costo tessera ENAL 3 euro). Prenotazione obbligatoria via mail a: marmorata169@gmail.com

LOGO DOC   logo home def   logowsp_300dpi

Il doc “Stato Interessante”di Alessandra Bruno a Marmorata169

STATO-INTERESSANTE-web-solo-titolo

Venerdì 29 aprile 2016 alle ore 20.30 in via Marmorata 169 (Testaccio) quarto appuntamento con “Storie di Donne”: assisteremo insieme a “Stato Interessante” di Alessandra Bruno. Alla visione del film seguirà l’incontro con la regista e i protagonisti del documentario.
Prima del film aperitivo (su prenotazione), vi ricordiamo inoltre che la prenotazione è obbligatoria via mail scrivendoci a: marmorata169@gmail.com
“Occhi sulla città”, frutto dell’incontro tra le associazioni culturali Marmorata 169 e WSP Photography, torna con un nuovo ciclo di documentari intitolato “Storie di donne”, che per tutta la primavera offrirà visioni inedite e incontri con autrici e autori. Per il quarto appuntamento in programma “Stato Interessante” di Alessandra Bruno, prodotto da Raffaele Brunetti per B&B FILM, in collaborazione con Rai3.
Cinque donne senza figli, tra 38 e 43 anni e l’orologio biologico che batte il tempo senza tregua fino a diventare un cronometro tra te e i tuoi limiti, tra il tuo corpo e la tua volontà, tra il tuo desiderio e la tua scelta. Cinque donne diverse, cinque strade parallele destinate fatalmente ad incrociarsi nello stesso punto, di fronte allo stesso ineludibile richiamo. Essere o non essere madre.
Chiara e Giovanni, una delle coppie protagoniste del film

Chiara e Giovanni, una delle coppie protagoniste del film

STATO INTERESSANTE (2015, 60′)
SINOSSI
A quando il lieto evento? Quante volte ti sei sentita rivolgere questa domanda? Hai tra i 38 e i 45 anni, non hai figli, non li hai ancora, non li vuoi, li vorresti ma non vengono. L’orologio biologico, ovunque si trovi, ti ticchetta nel cervello come un cronometro. Oppure no, quello che ticchetta è l’orologio della vicina, perché il tuo l’hai spento dopo qualche notte insonne. O magari non l’hai mai sentito. O forse la tua corsa contro il tempo è talmente sfiancante che ormai non ci fai più caso. Ti accorgi che il mondo comincia ad insospettirsi non vedendoti col pancione. E anche tu qualche domanda te la fai. Il film racconta il momento in cui queste domande diventano impellenti e lo fa seguendo cinque donne, intorno ai 40 anni senza figli, attraverso i percorsi che decidono di intraprendere per affrontare una scelta, come quella della maternità o della non maternità, non più procrastinabile. I dialoghi e i confronti serrati con parenti, compagni e amici, le riflessioni più intime e personali, si incrociano alla ricerca di un bandolo della matassa che, a questo punto della vita, ognuna di loro ha la necessità di individuare. Il film, alternando voci e storie, segue i passi, a volte incerti, a volte sicuri, che le protagoniste compiono per riconoscere la propria strada, in mezzo ai tanti condizionamenti e alle mille paure che emergono di fronte al limite irrevocabile della fine dell’età fertile.
LOGO DOC   logo home def   wsp_bn black   logo-bbfilm

Storie di donne #3: il doc “Lina Mangiacapre” a Marmorata169

Le Nemesiache
Venerdì 15 aprile 2016, alle ore 20.30 in via Marmorata 169 (Testaccio) il terzo appuntamento di “Storie di Donne”: è la volta del documentario “Lina Mangiacapre – Artista del Femminismo” di Nadia Pizzuti. Alla visione del film seguirà l’incontro con la regista.
Prima del film aperitivo (su prenotazione), vi ricordiamo inoltre che la prenotazione è obbligatoria via mail scrivendoci a: marmorata169@gmail.com
“Occhi sulla città”, frutto dell’incontro tra le associazioni culturali Marmorata 169 e WSP Photography, torna con un nuovo ciclo di documentari intitolato “Storie di donne”, che per tutta la primavera offrirà visioni inedite e incontri con autrici e autori. Per il terzo appuntamento in programma “Lina Mangiacapre – Artista del Femminismo” di Nadia Pizzuti: il documentario è un omaggio alla figura e all’opera di questa straordinaria artista napoletana e rievoca nel contempo una stagione vivace del femminismo italiano, che vuole divulgare a un pubblico più ampio. E’ il frutto di un lungo lavoro di raccolta di materiale di repertorio e include disegni e animazione originali e riprese nell’abitazione di Lina Mangiacapre a Posillipo e in altre zone di Napoli.
Lina Mangiacapre ha lasciato una vasta produzione come pittrice, romanziera, poeta, regista di cinema e di teatro, indicando percorsi originali per la libertà delle donne. Per lei l’arte e la creatività erano forme di lotta politica, così come erano politiche le azioni performative che conduceva con il suo collettivo, le Nemesiache. A questa straordinaria protagonista del femminismo napoletano, scomparsa nel 2002 a 56 anni, si devono tra l’altro l’ideazione della Rassegna del Cinema femminista di Sorrento ‘L’altro sguardo’, primo festival del genere in Europa, e l’istituzione del Premio cinematografico Elvira Notari (ora Premio Lina Mangiacapre). I suoi grandi occhiali a farfalla e i suoi fantasiosi abiti androgini sono rimasti  impressi nella memoria di chi l’ha conosciuta. Realizzato grazie a un crowdfunding su produzionidalbasso.com, il documentario a lei dedicato si avvale quasi interamente di professionalità femminili. Oltre alla regista Nadia Pizzuti, hanno partecipato al film alcune protagoniste della scena musicale e teatrale napoletana, tra cui Cristina Donadio, Enza Di Blasio e Stefania Tarantino.
LOGO DOC   logo home def   logowsp_300dpi

Vergini, martiri e sante: terzo itinerario con “Le donne di Roma”

Santa Caterina

Itinerario #3: Santa maria sopra Minerva – Vergini, Martiri e Sante.
Un percorso dedicato a donne famose di Roma dalle mitiche origini fino al Novecento: sei itinerari organizzati da Marmorata169 e condotti dalla storica e giornalista Donatella Cerulli.
Stavolta andremo alla scoperta della basilica di Santa Maria sopra Minerva. Appuntamento per i partecipanti domenica 17 aprile alle ore 10 in Piazza della Minerva 42, a due passi dal Pantheon.
Per info e prenotazione (obbligatoria) scrivi una mail a: marmorata169@gmail.com

Il Medioevo – Con l’ascesa del Cristianesimo la condizione femminile va inesorabilmente peggiorando e nuovamente le donne vengono rinchiuse nei confini di un ruolo – moglie e madre – al quale per circa due secoli hanno creduto di poter sfuggire. La castità e la verginità sono condizioni desiderabili e migliori del matrimonio, esaltate fino al martirio. Unica alternativa: dedizione totale al marito e ai figli, meglio ancora il convento. Il Medioevo romano è intriso del sangue di innumerevoli vergini e martiri, offuscato da “vedove nere” assetate di potere, ma anche illuminato da donne di grande vigore morale, come Caterina Benincasa, conosciuta come Caterina da Siena, Santa e Dottore della Chiesa, sepolta a Roma nella Basilica di Santa Maria sopra Minerva.

I prossimi appuntamenti:
4. Belle, intelligenti, colte … cortigiane – La casa di Fiammetta (8 maggio)
5. Plautilla Bricci, architettrice e pittrice – San Luigi dei Francesi (22 maggio)
6. Mamma Roma – Il Quadraro (5 giugno)

“Ogni preziosa giornata” a Marmorata169 “Storie di Donne”

Ogni preziosa giornata

“Occhi sulla città”, frutto dell’incontro tra le associazioni culturali Marmorata 169 e WSP Photography, torna con un nuovo ciclo di documentari intitolato “Storie di donne”, che per tutta la primavera offrirà visioni inedite e incontri con autrici e autori. Dopo il successo della prima proiezione di “Doris & Hong” al WSP, torniamo a Marmorata169 con il secondo documentario “Ogni preziosa giornata” di Francesco Adolini, prodotto da ZEN Film: la storia di una donna, Caterina (madre del regista), alla ricerca della qualità della vita nella sua lotta contro il cancro. Attraverso gli occhi del figlio riviviamo la storia di Caterina e Franco, la loro quotidianità, il loro passato, le aspettative sul futuro…in un rapporto che si svela pian piano ai nostri occhi. “Ogni preziosa giornata” è un racconto intimo e universale, che parla a tutti noi, restituendo il senso dell’inseparabile convivenza tra ciò che più ci spaventa, ci sconvolge e ci destabilizza e ciò che più ci dà completezza, soddisfazione e felicità.

Le “Storie di donne” che proponiamo sono spesso storie semplici, racconti dietro l’angolo, realtà note o meno note, alle quali tuttavia raramente si guarda con occhi attenti. Eppure una storia non esiste finché qualcuno non ha il coraggio di raccontarla, mettendosi in gioco in prima persona, aprendosi e intessendo relazioni. Con passione, cura e rispetto. Il documentario nasce dunque come incontro tra persone, è l’intersezione vitale tra chi ascolta, la voce che narra e chi guarda. Svela e rifonda il nostro modo di vedere, sul filo della memoria e della scoperta reciproche.

OGNI PREZIOSA GIORNATA (2015, 56’) di Francesco Adoliniprodotto da ZEN Film
­Caterina ha settant’anni. È una donna vivace e curiosa, con una profonda passione per il mare e per la vela. Ha in mente di andare a Ponza, la prossima estate. E poi, a bordo della fedele Alcor, veleggiare con suo marito Franco verso Palmarola e le altre isole, come hanno fatto tutte le estati fin da quando erano giovani. Ma stavolta è più difficile. Da quindici anni un male implacabile si nasconde dentro di lei come un clandestino in una nave. E le prime metastasi rischiano di scombinare i suoi programmi. Ben decisa a non darsi per vinta, Caterina tiene all’angolo la malattia circondandosi di bellezza. Il desiderio di sentirsi ancora avvolta dal vento che spinge la sua barca sulle onde, le dà la forza di pensare a quando, finita la cura che la separa dal mondo, tornerà insieme al marito e agli amici nella sua dimensione di assoluta libertà.
Ed io che sono suo figlio, la guardo da dietro alla telecamera e mi domando come faccia a combattere con tanta tenacia, cosa la spinga ad amare così caparbiamente la vita nonostante gli orrori che contiene.

Prossimi appuntamenti con “Storie di Donne”
15 aprile @M169 “Lina Mangiacapre – Artista del Femminismo” di Nadia Pizzuti
29 aprile @M169 “Stato Interessante” di Alessandra Bruno
13 maggio @WSP “La linea sottile” di Nina Mimica e Paola Sangiovanni

LOGO DOC   logo marmorata ingrandito2   wsp_bn black

“Doris & Hong” apre il ciclo di documentari “Storie di Donne”

“Occhi sulla città”, frutto dell’incontro tra le associazioni culturali Marmorata 169 e WSP Photography, torna con un nuovo ciclo di documentari intitolato “Storie di donne”, che per tutta la primavera offrirà visioni inedite e incontri con autrici e autori.
Dopo il successo della prima proiezione di “Doris & Hong” a Marmorata169, a grande richiesta riproponiamo questa storia che ha come protagoniste due donne, due vite diverse, due universi solo apparentemente lontani. Venerdì 1 aprile 2016 alle ore 21.15, presso la sede del WSP photography (Via Costanzo Cloro 58 – ROMA), Leonardo Cinieri Lombroso ci presenterà il suo film “Doris & Hong” (prodotto da Blue Film) e al termine incontrerà il pubblico per un confronto libero e diretto.
L’ingresso riservato ai soci ENAL 2016; è possibile tesserarsi il giorno dell’evento (costo tessera ENAL 3 euro). Prenotazione obbligatoria inviando una mail a: marmorata169@gmail.com.

Doris-e-Hong2okper-word

Doris & Hong (2015, 80’) di Leonardo Cinieri Lombroso – prodotto da Blue Film
Due donne, due generazioni, due paesi. La geografia è destino, la diversità crea il futuro. Da San Lorenzo a Pechino. Un progetto prodotto con il crowdfunding. Hong, una ragazza cinese di ventitre anni amante dell’arte, arriva dalla Cina per studiare all’Accademia di Belle Arti di Roma. Non sa come ha scelto questa città, la casa invece l’ha trovata con un annuncio in Rete. Ha risposto una signora italiana settantenne, si chiamaDoris, nata in Eritrea da famiglia italiana nella ex colonia, arrivata in Italia sul finire degli anni ’50. Le due donne si incontrano per caso, entrambe forse hanno in mente che sia una convivenza temporanea, ma durerà due anni e molte più cose di quante entrambe possano immaginare giungono nella vita dell’una e dall’altra da questo incontro. Questo incontro prefigura e racconta l’incontro tra due universi culturali, l’Oriente e l’Occidente, che ormai sempre più velocemente si confrontano, ora espandendosi ora declinando l’uno sull’altro, ora confondendosi l’uno all’inseguimento dell’altro. Come due fiumi, di due diverse montagne e storie, il corso delle loro vite si intreccia, per poco tempo.

Prossimi appuntamenti:
8 aprile @M169 “Ogni preziosa giornata” di Francesco Adolini
15 aprile @M169 “Lina Mangiacapre – Artista del Femminismo” di Nadia Pizzuti
29 aprile @M169 “Stato Interessante” di Alessandra Bruno
13 maggio @WSP “La linea sottile” di Nina Mimica e Paola Sangiovanni

LOGO DOC   logo marmorata ingrandito2   logowsp_300dpi

L’Atlante delle micronazioni di Graziano Graziani a M169

banner no logo

Venerdì 25 marzo alle ore 20.30 per il ciclo “Parole di città” presenteremo il libro “Atlante delle Micronazioni” di Graziano Graziani (Quodlibet, 2015).
L’Atlante raccoglie 50 micro-utopie con relativa scheda geografica. Sarà lo stesso autore a disegnare con noi una mappa dell’immaginazione rigorosamente reale, a cavallo tra letteratura e catalogazione. Di motivi per fondare una nazione ce ne sono tantissimi: idealismo, goliardia, politica, persino l’evasione fiscale. Qui si raccontano i casi più strani e suggestivi di una pratica molto più diffusa di quanto ci si immagini, dichiarare l’indipendenza di una microscopica parte di territorio e proclamarsi re o presidente, almeno in casa propria.

Questo libro vuole essere un atlante di storie e personaggi, una geografia di luoghi a metà strada tra realtà e immaginazione e che spesso si dissolvono con la scomparsa del loro fondatore. Piccole epopee che, nel bene e nel male, portano al parossismo l’irriducibile voglia di indipendenza e autonomia dell’uomo.

Entrata con tessera 2016 e contributo. Durante la serata sarà possibile acquistare le copie del libro.
Per info su partecipazione e per la prenotazione (obbligatoria) scrivi a: marmorata169@gmail.com

Per saperne di più
Stati d’eccezione – Blog Graziano Graziani
Quodlibet – Rassegna Stampa

Due note sull’autore (tra parentesi)
graziano_grazianiGraziano Graziani è nato a Roma. È tra i conduttori di «Fahrenheit» (Rai Radio 3) e collabora con Rai 5. Ha scritto e scrive per diverse testate, da «Lo Straniero» a «Minima&Moralia». Scrive di teatro contemporaneo, come critico, o almeno ci prova. Prima di occuparsi di micronazioni ha pubblicato un romanzo atipico, “Esperia” (Gaffi, 2008) e una spoon river romanesca, “I sonetti der Corvaccio” (La camera verde, 2011).

logo marmorata ingrandito2   parolecittà logo2

Marmorata169 a Palazzo Massimo Le Donne di Roma #2

Donna romana

Percorso #2 > Livia e le altre: sesso e potere
Un percorso dedicato a donne famose di Roma dalle mitiche origini fino al Novecento. Si tratta di sei itinerari organizzati dall’associazione culturale Marmorata169 e condotti dalla storica e giornalista Donatella Cerulli. Dopo quello alla Fonte di Anna Perenna, andremo al Museo nazionale romano a Palazzo Massimo. Appuntamento per i partecipanti domenica 20 marzo alle ore 10 a Palazzo Massimo alle Terme – Largo Peretti. Per maggiori informazioni e per la prenotazione (obbligatoria, poiché i posti sono limitati) inviate una mail a: marmorata169@gmail.com

Dal Principato all’Impero – In epoca imperiale le donne acquisirono una maggiore indipendenza e raggiunsero apici di emancipazione mai più eguagliati per diversi secoli a venire. Pur escluse dalla vita pubblica, attraverso quella domestica le donne di Roma esercitarono una indiscussa influenza negli affari di Stato. Da Fulvia ad Agrippina, da Ottavia a Messalina… In tante possono essere definite delle vere e proprie eminenze grigie. In questo ruolo il primo posto spetta sicuramente a Livia Drusilla, moglie di Augusto, la cui mano si protese a lungo, silenziosamente e “velenosamente”, sui destini di Roma e sui tanti lutti che colpirono Augusto. Grazie ai suggestivi allestimenti museali di Palazzo Massimo potremo “entrare” in prestigiose dimore romane di epoca augustea (Villa di Livia e Villa della Farnesina) le cui splendide decorazioni, recuperate e restaurate, sono state ricomposte all’interno di stanze ricostruite nelle forme e dimensioni originarie.

I prossimi appuntamenti:
2. Livia e le altre: sesso e potere – Palazzo Massimo (20 marzo)
3. Vergini, Martiri e Sante – Santa Maria Sopra Minerva (10 aprile)
4. Belle, intelligenti, colte … cortigiane – La casa di Fiammetta (17 aprile)
5. Plautilla Bricci, architettrice e pittrice – San Luigi dei Francesi (8 maggio)
6. Mamma Roma – Il Quadraro (22 maggio)